Regione Veneto

Sportello IMU - TARI

L'Amministrazione Comunale mette gratuitamente a disposizione dei cittadini di Sant'Urbano uno sportello per fornire informazioni, calcoli, stampe dei prospetti di versamento e degli F24 relativi all'Imposta Municipale Propria (IMU).
Per quanto riguarda l'IMU - Anno 2021, le scadenze sono le seguenti:

IMU
Acconto 16 giugno
Saldo finale 16 dicembre
Versamento unico 16 giugno

TARI UTENZE DOMESTICHE
A seguito delle recenti modifiche legislative che hanno definito diversi criteri per il calcolo TARI 2021, al fine di evitare disagi per la cittadinanza e all’organizzazione degli uffici comunali, si è ritenuto opportuno, avviare la riscossione della TARI per le utenze domestiche mediante un primo acconto con scadenza 31.05.2021.
Successivamente, si provvederà ad inviare ai contribuenti le ultime due rate a conguaglio con scadenza il 30.09.2021 e il 30.11.2021
 
Primo acconto 31 maggio
Secondo acconto 30 settembre
Saldo a conguaglio 30 novembre


TARI UTENZE NON DOMESTICHE
Si informa che, il Decreto Sostegni-bis del 25 maggio 2021 ha individuato le agevolazioni in favore degli esercizi che hanno dovuto sospendere o ridurre l’attività a causa della pandemia Covid-19, pertanto, al fine di darne attuazione è stato deciso di prevedere, per le sole utenze non domestiche due rate:
ACCONTO entro il 30 settembre
SALDO entro il 30 novembre
Le attività che, nel corso dell’anno, hanno dovuto sospendere o limitare l’attività dal 1.01.2021 al 15.06.2021 possono presentare domanda di agevolazione trasmettendo il modulo allegato entro il 30.06.2021.
L’Amministrazione comunale sottoporrà al Consiglio comunale i seguenti criteri di agevolazione:
- agevolazione pari al 100% per i giorni di effettiva chiusura obbligatoria dell’attività economica;
- agevolazione pari al 50% per i giorni di riduzione obbligatoria dell’attività economica.
Nel caso in cui i contributi dovuti per l’agevolazione, sulla base delle domande pervenute, eccedano il budget complessivo stanziato dallo Stato ed eventualmente dall’Ente, i contributi spettanti a ciascuna attività saranno rideterminati in diminuzione in proporzione all’incidenza di ciascuno sul totale in relazione al budget disponibile, fatta salva la facoltà dell’Ente di individuare ulteriori risorse da stanziare allo scopo incrementando il budget complessivo.
Nel caso in cui i contributi dovuti per l’agevolazione, sulla base delle domande pervenute, siano inferiori al budget complessivo stanziato dall’ente, la parte eccedente finanzierà le agevolazioni riconoscibili per il restante anno 2021 da applicarsi alle rate dovute nel 2022.
 
Primo acconto 30 settembre
Secondo acconto 30 novembre



*********
torna all'inizio del contenuto